Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Nuovi interventi per un fisco pi¨ giusto

foto: bancomatPIU’ EQUILIBRIO NELLA LOTTA CONTROL’EVASIONE FISCALE

  • Per i debiti fiscali fino a 2.000 euro Equitalia non potrà procedere alla riscossione coattiva (le cosiddette “ganasce fiscali”) delle somme senza prima aver inviato al contribuente due solleciti, intervallati l’uno dall’altro da un periodo di almeno 6 mesi.
  • Sale a 20.000 euro il tetto per le ipoteche nei confronti dei contribuenti in debito con l’erario. Il nuovo limite, che riguarda le prime case, si applica sui giudizi pendenti o sulle iscrizioni a ruolo contestabili. In tutti gli altri casi resta il tetto di 8.000 euro.
  • Nuovi limiti all'accertamento esecutivo, che obbliga i contribuenti sotto procedimento fiscale a pagare il 50% della maggiore imposta accertata. Il decreto prevede che il contribuente possa chiedere una sospensiva fino a 180 giorni, 60 in più dai 120 previsti in origine.
  • Dal primo gennaio 2012 Equitalia cesserà di riscuotere le entrate tributarie e patrimoniali per conto dei comuni.

LE NUOVE SEMPLIFICAZIONI FISCALI

  • Esclusi i casi straordinari di controlli per salute, giustizia ed emergenza, il controllo fiscale in forma d’accesso in azienda viene  semplificato: può avvenire al massimo ogni sei mesi e deve durare non più di quindici giorni. La violazione di questo principio costituisce, per i dipendenti pubblici, illecito disciplinare.
  • Sono abolite le comunicazioni all’Agenzia delle entrate che riguardano le ristrutturazioni soggette a detrazione del 36%.
  • Cancellato l'obbligo di comunicazione annuale dei dati relativi a detrazioni per familiari a carico, tranne nel caso di variazioni della situazione familiare.
  • Gli acquisti di importo superiore a 3.000 euro non dovranno essere comunicati all'amministrazione fiscale in caso di pagamento con carte di credito o bancomat.
  • Per ridurre le procedure di appalto, viene elevato da 500.000 e 1 milione di euro il limite di importo entro il quale è consentito affidare i lavori con procedura negoziata, senza bando di gara.
  • Per le società con meno di 10 dipendenti, slitta al primo giugno 2012 l’operatività del Sistri, il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti.

MIGLIORA IL RAPPORTO BANCHE-IMPRESE-CITTADINI

  • Per favorire i cittadini, è stato ridotto il tasso soglia per l'usura. Ora viene definito aumentando del 25% (prima era il 50%) il tasso medio rilevato da Bankitalia più quattro punti percentuali.
  • Modificato a vantaggio delle imprese lo “ius variandi”, la facoltà che la banca ha di modificare unilateralmente i contratti di mutuo stipulati con le aziende. Nel contatto dovranno essere inserite delle clausole, approvate dal cliente, che consentano di modificare i tassi di interesse solo al verificarsi di determinate condizioni.
  • Fino al mese di aprile del 2012, chi ha un mutuo a tasso variabile non superiore a 200.000 euro ha diritto alla rinegoziazione a tasso fisso qualora abbia un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 35.000 euro e non abbia avuto ritardi
    nel pagamento delle rate del mutuo.

[01 settembre 2011

 
 
 

Approfondimenti

La sfida del Fisco a misura di territorio: dal libro di Maurizio Sacconi Dai servizi pubblici tradizionali ai minori oneri per aziende e cittadini imprenditori di se stessi.   » Continua
La sfida del Fisco a misura di territorio: dal libro di Maurizio Sacconi Dai servizi pubblici tradizionali ai minori oneri per aziende e cittadini imprenditori di se stessi.   » Continua